Mammografia Digitale ed Ecografia Mammaria

Scarica
La carta dei Servizi

Perché è importante effettuare una Diagnostica Senologica preventiva? 

La Diagnostica Senologica è di fondamentale importanza nel controllo dei tumori della mammella poiché consente di individuarne l'eventuale presenza e le dimensioni.

I controlli periodici e le diagnosi precoci sono in grado di garantire un livello considerevole di guarigioni definitive, senza necessariamente dover ricorrere ad interventi.

La nostra struttura dispone di un Mammografo Digitale Selenia di ultima generazione dell'azienda leader Hologic

Nel nostro centro è possibile eseguire: 

  • Mammografia Digitale
  • Ecografie della Mammella

Cosa si intende per Mammografia digitale? 

Tramite l’utilizzo dei raggi X, la Mammografia permette la valutazione della mammella attraverso l’impiego di una apparecchiatura dedicata: il mammografo digitale, che consente di ottenere immagini molto dettagliate e con una bassa dose radiogena rispetto al passato.

Non viene utilizzato mezzo di contrasto e non è necessaria alcuna preparazione prima dell’esame.  

 

Che cosa è possibile individuare tramite un’Ecografia Mammaria? 

L’Ecografia Mammaria sfrutta gli ultrasuoni e rappresenta uno degli esami strumentali più efficaci per l'individuazione di anomalie, cisti o noduli, che si annidano nel tessuto mammario. 

Si tratta di un esame diagnostico non invasivo, indolore e privo di effetti collaterali. Nel nostro Poliambulatorio utilizziamo il nuovo ecografo Toshiba Aplio 500, strumento all'avanguardia nella diagnostica con ultrasuoni.  

 

A che età è consigliabile effettuare questi esami? 

Tutte le donne, tra i 20 e i 40 anni dovrebbero controllare periodicamente il seno, con l’autopalpazione, con le visite ginecologiche o senologiche e, una volta l’anno o ogni due anni (in base all’indicazione dello specialista) sottoporsi a un’Ecografia Mammaria

L’Ecografia Mammaria, infatti, è considerata l’indagine diagnostica di prima scelta per le donne sotto i quarant’anni di età.

Solo in presenza di formazioni o addensamenti anomali, solitamente, lo specialista consiglia altri esami più invasivi, come la Mammografia e l’Agobiopsia (che consiste nel prelievo di una porzione di tessuto da analizzare).